Renata, una santità contagiosa

La sua vita è una straordinaria avventura che per 40 anni la vede protesa a testimoniare ovunque l'amore e l'unità evangelici.

[riduci] [espandi]

Nasce il 30 maggio del 1930 a Civitavecchia. Trascorre un'infanzia serena, circondata dall'amore dei suoi; riceve un'educazione ricca di valori umani, ma poco orientata a quelli della fede. Durante l'adolescenza avverte l'esigenza di conoscere Dio e comincia a frequentare la Chiesa. 

Animata dalla passione per la scienza, a 19 anni si iscrive alla Facoltà di Chimica dell'Università la Sapienza di Roma con l'aspirazione di acquistare una conoscenza universale puntando a "lavorare in un laboratorio e collaborare ad una grande scoperta".

Poco dopo conosce il Movimento dei Focolari e la sua fondatrice Chiara Lubich. Affascinata dal carisma dell'unità diventa per lei evidente la certezza dell'esistenza di Dio, trovando la risposta alla sua ricerca della verità. Pervasa da una luce profonda, decide di spendere la sua vita per Dio e perché si realizzi il "che tutti siano uno" la preghiera che Gesù ha rivolto al Padre prima di morire (cf Gv. 17, 21).