economia

Economia

Artigianato del legno e della ceramica e oggettistica, altre produzioni: a Loppiano il lavoro è parte integrante – e necessaria – della vita in società dei suoi abitanti. Per una economia di comunione.

[riduci] [espandi]

Col tempo si sono consolidate diverse attività economiche. E' sul lavoro, infatti, che poggia l'economia di Loppiano, in una piena comunione dei beni materiali e spirituali.

Ma quali sono stati i primi mestieri che i cittadini di Loppiano hanno dovuto imparare per guadagnarsi da vivere? Ricorda uno dei pionieri degli inizi della cittadella che «a partire dal '65 si sono ristrutturati uno ad uno i casolari abbandonati, si è iniziata la cura di oliveti e vigneti, sono sorte le case per le prime famiglie, una falegnameria, un laboratorio artistico, una cooperativa agricola che produce grano, olio e vino, una fabbrica di tessuti e piumini, un atelier per i vestiti. A parte un'impresa edilizia che si occupava, appunto, di costruzioni e ristrutturazioni, ciascuno di noi imparava a fare ciò che serviva per mettere in piedi una città, indipendentemente dal proprio titolo di studio».
Nel tempo si sono consolidate diverse attività economiche in cui professionalità e capacità personali diventano materia prima di una piena comunione di beni materiali e spirituali.


Nel 1973 nasce a Loppiano la Cooperativa Loppiano Prima la cui principale attività è la produzione di vino e olio. Oggi conta più di 4.000 soci ed è stata definita un prodromo di un nuovo agire economico ispirato ad una economia di comunione, in cui anche i beni e il lavoro vengono orientati in funzione sociale.


I laboratori Fantasy sono specializzati nella produzione di articoli in tessuto per la prima infanzia, come piumoni, culle, lampade ed altri accessori per la cameretta del bambino.